giovedì 24 luglio 2014

Il segreto di Stato e il traffico di armi: un potere fuori controllo. Verità per Graziella De Palo ed Italo Toni



graziella-de-palo


di Solange Manfredi
Il blog di Solange Manfredi:
http://solangemanfredi.blogspot.it/


La storia della nostra Repubblica è costellata di segreti di Stato che vengono apposti in maniera assolutamente impropria: per coprire gravi reati e violazione dei diritti umani. 

Una pratica ormai così diffusa e fuori controllo da destare allarme e preoccupazione ma che, nonostante ciò, è stata inspiegabilmente e pericolosamente avvallata dalla Corte Costituzionale (come avevo già palesato in un mio articolo pubblicato il 10 ottobre 2009). 

Il 16 maggio 2014, finalmente, tale preoccupazione è stata messa nero su bianco anche dalla Corte di Cassazione (Cassazione Penale, Sez. I, 16 maggio 2014, n. 20447) che nella sentenza testualmente afferma come la pronuncia della Corte Costituzionale abbia eliminato «alla radice la possibilità stessa di una verifica di legittimità, continenza e ragionevolezza dell’esercizio del potere di segretazione in capo alla competente autorità amministrativa, con compressione del dovere di accertamento dei reati da parte dell’autorità giudiziaria che inevitabilmente finisce per essere rimessa alla discrezionalità della politica". 

Un potere fuori controllo, dunque, quello del segreto di Stato. 


Un potere che tanti danni ha causato... e tanti ne potrà causare, purtroppo. 


Tra i tanti danni che ha causato c'è sicuramente quello che riguarda i giornalisti Graziella De Palo e Italo Toni, triste vicenda di cui avevo già parlato in un mio precedente articolo.


Ancora oggi, a distanza di 34 anni, i parenti di questi due coraggiosi giornalisti lottano per la verità, e per poter riavere i resti dei loro cari cui poter dare degna sepoltura. 

Pubblico quindi, con grande piacere, qui di seguito l'email inviatami da Giancarlo De Palo che riporta il suo ultimo appello: 



Cara Solange,
desidero inviarti, anche perché tu possa mostrarlo a Franceschetti, il testo del nostro ultimo appello per Graziella, pubblicato dalla testata cui mi onoro di collaborare, LiberoReporter:

Egregio Direttore,
desideriamo porre alla sua attenzione un evento che i familiari dei giornalisti Graziella De Palo (“Paese Sera” e “l’Astrolabio”) ed Italo Toni (“Diari”) aspettano da decenni: il 28 agosto 2014 cadrà definitivamente il segreto di Stato sul rapimento e l’omicidio dei due giornalisti avvenuto il 2 settembre 1980 a Beirut.
Il valore storico dell’evento (il primo caso di rimozione di un segreto di Stato nella storia repubblicana) meriterebbe di per sé essere oggetto di una approfondita inchiesta giornalistica. Il 10 marzo 2010, alle famiglie De Palo e Toni venne concesso di poter visionare 1.161 documenti conservati presso gli archivi dell'AISE, purtroppo ancora coperti da numerosi omissis. Rimasero esclusi 80 documenti ancora coperti dal segreto. In questi ultimi, in teoria, potrebbero trovarsi nomi, fatti e circostanze che potrebbero permettere di poter almeno ritrovare i poveri resti di Graziella e Italo.
Sulle ragioni che portarono all'eliminazione dei nostri congiunti, noi familiari non nutriamo più dubbi. Anche se la verità storica è stata parzialmente ricostruita, ciò che appare evidente è che in nome del cosiddetto “lodo Moro-Giovannone” l’Italia – a partire dall'attentato di Settembre Nero agli impianti dell’oleodotto transalpino SIOT di Trieste del 4 agosto 1972 – aveva deciso di scendere a patti con il terrorismo di matrice palestinese per salvaguardare i propri interessi vitali. Tra le tante vittime di questo patto (scellerato) ci sono anche Graziella e Italo. Gli interessi economici prevedevano lucrosi affari nella vendita di armi a quei Paesi nei confronti dei quali vigevano embarghi economico-militari.
Le ambiguità della politica mediorientale dell’Italia vennero definite da Paolo Emilio Taviani nella formula “della moglie americana e dell’amante libica” (o araba). Tale formula venne ripresa anche in Commissione Stragi dall’ex capo della Polizia, Vincenzo Parisi, per spiegare il movente di tante stragi ancora oggi inspiegabili o ancora coperte da inquietanti aloni di mistero.
Il viaggio a Beirut dei due giornalisti, ospiti dell'OLP e vicini alla causa del popolo palestinese, sembra fosse prevalentemente teso a far luce su questo oscuro traffico di armi, di cui beneficiava anche il terrorismo italiano. La loro eliminazione è avvenuta esattamente un mese dopo l’attentato alla stazione di Bologna.
Per queste ragioni l’allora presidente del Consiglio Bettino Craxi confermò il vincolo del segreto di Stato il 5 settembre 1984 proprio sui rapporti tra governo italiano e OLP, nel corso del procedimento penale sull'omicidio di Italo Toni e Graziella De Palo. Tale segreto è stato confermato perfino dal governo Berlusconi nel 2004-2005, nella persona dell’allora sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, in risposta a una articolata domanda avanzata dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sul Dossier Mitrokhin.
La richiesta che vogliamo farLe a nome delle famiglie De Palo e Toni è quella di impiegare le energie del Suo giornale per stimolare il Governo a mettere a disposizione il prossimo 28 agosto le carte più compromettenti a disposizione di chiunque: storici, familiari, giornalisti e fare finalmente piena luce su questa tragica vicenda.
Lo scorso anno i due giornalisti sono stati dichiarati vittime del terrorismo: le aspettative nostre non sono solamente quelle di riavere i resti degli scomparsi ed un riconoscimento storico della verità, ma anche quella di poter ottenere la riapertura di un processo, che si era interrotto con l’apposizione del segreto di Stato. Poca fiducia infine sulla possibilità della costituzione di una commissione parlamentare d’inchiesta, che ci è sempre stata negata.
Nel ringraziarLa per l’attenzione che vorrà dedicare a questo accorato appello, porgiamo cordiali saluti.

 Nicola e Giancarlo De Palo, Renata Capotorti
 Cordiali saluti.

1 commento:

LightWarrior ha detto...

La m...a bisogna affrontarla, ma non tutti sosteniamo la puzza!
un abbraccio di luce
Stefano ;o)