venerdì 20 settembre 2013

Il caso Damien Echols e il caso Bestie di Satana.


Il caso Damien Echols.

Nel maggio del 1993 in un bosco di West Memphis in Arkansas vengono trovati tre bambini assassinati e orrendamente mutilati.
Per settimane la polizia brancola nel buio e i giornali ipotizzano piste sataniche ed esoteriche.
A giugno vengono individuati i feroci assassini che avevano commesso quel delitto senza lasciare tracce: si tratta di tre ragazzi, uno diciottenne e altri due minorenni.
Il diciottenne si chiama Damien Echols, gli altri due sono Jason Baldwin e Jessie Misskelley.
Come vengono individuati?
Grazie alla confessione di uno dei tre, Jessie, che all’epoca era non solo minorenne ma anche ritardato mentale.
Dal momento che il ragazzino si autoaccusa viene ritenuto attendibile, nonostante le innumerevoli contraddizioni, le lacune nella ricostruzione dei fatti, e le dichiarazioni strampalate che facevano a pugni con la logica.
Peraltro, durante il processo, Jessie ritratterà le sue dichiarazioni.
Ai tre ragazzi vengono offerti significativi sconti di pena qualora confessino e accusino gli altri.
Nessuna prova fisica, o intercettazione ambientale, ricollega i tre ragazzi al delitto.
Come prove circostanziali vengono portate:
- le abitudini di vita dei tre ragazzi, che vestivano sempre di nero e ascoltavano musica metal e nient’altro;
- un disegno di Echols con 4 lapidi che vennero ritenute la prova che Echols voleva sacrificare bambini a Satana;
- alcuni testimoni, minorenni, che dichiareranno di aver partecipato a orge sataniche nel bosco, mentre una testimone dichiarerà che Damien con la sua auto l’aveva accompagnata ad un sabba.
Damien Echols viene condannato a morte.
Dopo 18 anni di battaglie legali, anche grazie all'intervento di personaggi del mondo dello spettacolo, come Jonnhy Deep e Marilyn Manson, Echols riesce a far valere le sue ragioni e viene liberato. Oggi è libero, e ha scritto un libro, e sta per uscire un film sulla sua odiessea.
La vicenda, se letta attentamente, è chiara: si doveva cercare un capro espiatorio per quegli omicidi, e i veri responsabili vengono coperti incastrando degli innocenti che non siano in grado di difendersi, non essendo abbastanza maturi, essendo privi di appoggi familiari, e non avendo soldi per una difesa adeguata.

Leggendo la vicenda salta agli occhi il parallelo con la vicenda delle Bestie di Satana. Ricapitolando la vicenda infatti:
Paolo Leoni e Nicola Sapone vengono condannati all’ergastolo nonostante nessuna prova fisica ricolleghi i ragazzi agli omicidi. Non vengono trovate tracce di sangue, l’arma del delitto non viene individuata, non viene individuato neanche il movente.
La prova regina del processo consiste nelle confessioni di Volpe, Maccione e Guerrieri. Guerrieri è un ritardato mentale, tanto è vero che finirà in manicomio giudiziario; quanto a Maccione, minorenne all’epoca dei fatti, è sufficiente ascoltarlo o leggere le sue dichiarazioni per rendersi conto che si tratta di un ragazzo con diversi problemi personali, completamente inattendibile per l’assurdità delle dichiarazioni che effettua.
Volpe, l’unico dei tre accusatori che mentalmente pare capace di intendere e di volere, è totalmente inattendibile perché arriva persino (a fronte dell’evidenza e di un PM che riuscirà ad accusarlo di calunnia) ad ammettere di essersi inventato degli omicidi.
A tutti i ragazzi coinvolti verranno offerti significativi sconti di pena qualora confessassero. Leoni e Sapone si rifiutano di confessare e la pena del primo grado (30 anni per Leoni, ergastolo per Sapone) viene commutata in un ergastolo per Leoni e due ergastoli per Sapone, a titolo punitivo per la “mancata collaborazione”.

E’ evidente il parallelo tra il processo alle Bestie di Satana e quello ai tre di West Mamphis. Entrambi i processi vedono come imputati minorenni e ragazzi appena diciottenni, accusati di avere doti criminali da Arsenio Lupin, perché riescono a non lasciare tracce e a rimanere impuniti per molto tempo; le uniche prove sono fornite da “pentiti”, ritardati mentali e inattendibili, che vengono ritenuti attendibili sol perché accusando gli altri hanno accusato anche se stessi; manca qualsiasi prova di collegamento fisico tra il fatto e i suoi autori; la ricostruzione dei fatti oltre ad essere priva di movente è anche illogica; vengono trascurate molte delle argomentazioni a difesa; le intercettazioni ambientali e telefoniche in entrambi i casi non danno alcun risultato ma nonostante questo l’assenza di prove viene valutata come un punto a favore della capacità criminale dei ragazzi, considerati tanto freddi e astuti da non tradirsi mai; i testimoni sono palesemente inattendibili (nel caso Echols ad esempio verrà dimostrato che Damien non aveva la patente e tantomeno l’auto; nel caso delle Bestie di Satana alcuni testimoni vengono smentiti, mentre altri, che dichiareranno di temere Paolo Leoni per il suo satanismo, sono i componenti di una band metal che fa musica e testi di chiara matrice esoterica “nera”).


La vicenda di Damien Echols è stata pubblicata di recente da Einaudi nel libro “Il buio dentro di me” dove Damien racconta la sua storia, narra la sua infanzia e la sua adolescenza, e racconta il percorso fatto in prigione; una storia di soprusi, torture fisiche e psicologiche.
Al termine del libro, un resoconto dettagliato della vicenda processuale.
Un libro bellissimo, per rendersi conto di come le vicende processuali siano tutte uguali, in Italia come in America.

Una ricostruzione abbastanza dettagliata del processo la si trova qui:



Dal libro "Il buio dentro di me", pag. 237:
Mi è stato chiesto molte volte se sono arrabbiato con Jessie per avermi accusato. La risposta è no, perché non è colpa di Jessie. La colpa è di quei pigri e deboli servitori dello stato che abusano dell'autorità che gli è stata conferita, da persone che si fidano di loro. Sono arrabbiato con gli agenti che preferiscono torturare un ragazzino ritardato piuttosto che cercare un assassino. Sono arrabbiato con i giudici corrotti e i procuratori corrotti disposti a distruggere la vita a tre innocenti pur di proteggere le proprie poltrone e pur di seguire le loro ambizioni politiche. 
Noi non eravamo niente, per loro, se non un gruppo di poveracci, dei rifiuti di un campo roulotte; pensavamo che nessuno mai avrebbe sentito la nostra mancanza. Erano convinti di poterci prendere la vita, e che la storia sarebbe finita lì, spazzata sotto il tappeto come lo sporco. E sarebbe finita davvero lì se il mondo non se ne fosse accorto. Quindi no, non sono arrabbiato con lui.








8 commenti:

Freeanimals ha detto...

Avv. Franceschetti, spero di non andare troppo fuori tema se le pongo la seguente domanda: pensa che Nicola Garbino, che si è accusato di aver ucciso Silvia Gobbato, possa essere un candidato manciuriano?

http://freeanimals-freeanimals.blogspot.it/2013/09/lo-sport-allaria-aperta-e-pericoloso.html

Gli stessi inquirenti sono dubbiosi circa il movente: tentativo di sequestro. Penso che il vero assassino avrebbe potuto agevolmente consegnare lo zainetto con la felpa insanguinata della ragazza al Garbino e ordinargli di andare sul luogo del delitto. Per farsi arrestare.

Cosa mi sa dire dei candidati manciuriani utilizzati in Italia?
Grazie dell'attenzione.

Anonimo ha detto...

Caro Franceschetti, Lei crede che ci possa essere un collegamento con la rosa..?
Cari saluti e ossequi Avv Franceschetti

Anonimo ha detto...

..."E sarebbe finita davvero lì se il mondo non se ne sarebbe accorto. Quindi no, non sono arrabbiato con lui."

SAREBBE?!?!?!? casomai FOSSE !!! per questo vi condannerei all'ergastolo per 'omicidio della lingua italiana....

Antonio Venturini ha detto...

CONGRATULAZIONI OTTIMO LAVORO ....

Anonimo ha detto...

E sarebbe finita davvero lì se il mondo non se ne sarebbe accorto.

Fosse accorto.

Almeno i congiuntivi.

schatten ha detto...

Non conoscevo la storia di questo caso che mi ha subito interessato percio' ho scaricato immediatamente il libro sul kindle e l'ho letto, davvero inquietante e struggente. L'analogia con la vicenda delle bestie di satana e' evidente. Grazie per la segnalazione

Anonimo ha detto...

E' stata la massoneria deviata!

http://tipszeezout.blogspot.nl/2013/09/e-stata-la-massoneria-deviata.html

Anonimo ha detto...

Ti stimo