domenica 15 settembre 2013

30 ottobre, Roma. Omaggio teatrale a Rino Gaetano



Il 30 ottobre ritorna Ouverture, sarà un ritorno speciale: in teatro.

David Gramiccioli e Paolo Franceschetti presentano una pièce teatrale in onore di Rino Gaetano, dal titolo "Avrei voluto un amico come lui".

Nessuno come il cantautore scomparso nel 1981 cantò le malvagità di questo paese. Incidente o omicidio?

Anche la vendita dei biglietti, prezzi popolarissimi, avverrà in pieno stile Ouverture visto che sarà possibile acquistarli sabato 28 settembre dalle 10,00 alle 13,00 presso il botteghino del Teatro delle Muse di via Forlì a Roma contando sulla presenza degli stessi autori. Vi aspettiamo.


Pagina Facebook dedicata allo spettacolo: http://www.facebook.com/omaggiorinogaetano





10 commenti:

*Dioniso*777* ha detto...

Cavolo, l'ho appena messo prima , jet set, ora ascolto spendi spandi effendi, e fabbricando case, ed io sono del '73, ma era un mito questo a quell'epoca, chissà quanto sapeva ed ha visto.
Oggi dove cavolo sono i Rino?
Basta, tutti lobotomizzati o depredati e sotto il monopolio dei 70enni o, resi poveri e precari poco pericolosi insomma. Spero solo che siamo sempre di più a non partecipare più al gioco truccato. Da chi? Fate voi ... polli da mungere? Paradosso ... come paradosso è la vita di molti. Fondata su ideali a dir poco assurdi se non masochistici.
Citavo proprio oggi Paolo in questo mio scritto
http://fintatolleranza.blogspot.it/2013/09/lettera-davide-dioniso777.html
Oggi in rete siamo tantissimi Rino, alla protesta, la critica il primo passo per il cambiamento!
Grande il tuo lavoro Paolo
Paolo, Ferraro e chi? Malanga è un'altro che ha capito molto
Se ne salvano davvero pochi davvero per il resto ...

Anonimo ha detto...

ciao,

qualcuno che ne capisce di simbolismo è in grado di speigare che cosa significa che oggi risorge il concordia??

16/9/2013 = 1+6+9+2+1+3 = 22

ciao
Beppe

Anonimo ha detto...

Salve,
per chi non potesse essere presente il 21 ma volesse comunque acquistare i biglietti?

Anonimo ha detto...

Carabinieri gelosi sparano a zuccherino

http://tipszeezout.blogspot.nl/2013/09/carabinieri-gelosi.html

pietro villari ha detto...

Chiedo venia per l'OT.
Vorrei ricordare senza mia pretesa o titolo alcuno, che Paolo tempo fa aveva chiesto di assisterlo economicamente, per contribuire alle spese sostenute nelle sue opere "bona fide" di assistenza legale. Malgrado la crisi che ci colpisce, continuiamo a donare quando possiamo, tramite il nostro ospite. I pochi spiccioli di tanti possono diventare un'arma preziosa.
In Italia la tortura esiste, ed e' orrenda: purtroppo c'e' gente che soffre piu' di noi.
Aiutiamoli.

Anonimo ha detto...

Non mi sembra molto opportuna la rosa in primo piano nel manifesto...anzi. Mi spiegate il perchè?

roberto ha detto...

Caro avvocato, sul sito Stampa libera lei viene tirato in ballo con delle critiche.
http://www.stampalibera.com/?p=66619
L'articolo non è firmato quindi è attribuibile alla redazione e cioè alla sig.ra Nicoletta Forcheri. Dia una occhiata e ci faccia sapere come risponde. Staampa libera non è un sito ostile: ha ripubblicato molti articoli sia suoi che della dott.ssa Solange.

Turista21 ha detto...

@roberto
in realtà il post su stampalibera è della redazione ma viene citata subito all'inizio la fonte (tal Sandro Spinozzi su facebook) ovvero da dove stampalibera l'ha preso.

Anonimo ha detto...

Buongiorno,
si anch'io mi sono chiesto il perchè della rosa, vorrebbe forse essere una provocazione?
Grazie.

Paolo Franceschetti ha detto...

No nessuna provocazione. Lui cantava spesso la rosa (Donde sta el grano, donde sta la rosa;al compleanno della zia rosina; cogli la mia rosa d'amore; rosita, ecc.).
In qualunque caso non ho fatto io il volantino e neanche ho idea di chi l'abbia ideato.